GO
English|Italiano |Français

eNewsletter Edisfera

Indagine sul Digital Marketing: tra gli strumenti più utilizzati nel 2019 spiccano SEO e SEM.
febbraio 2020

Quali sono le modalità di comunicazione digitale preferite dalle aziende in Italia? Quali strumenti preferiscono nella definizione di un’efficace strategia digitale per raggiungere i propri obiettivi di business? E quali sono invece gli strumenti più utili per le relazioni con i propri clienti? E, infine, quali sono i trend del 2019 in ambito digital marketing?

Digital Marketing 2019

Uno studio di Human Highway, azienda specializzata in indagini e ricerche di settore, ha intervistato un campione di decision maker appartenenti a 40 aziende italiane di dimensioni medio-grandi, che gestiscono il budget delle attività di marketing in vari settori, dalla finanza alla moda, dall’automotive al retail. Che cosa è emerso?

I principali strumenti di digital marketing adottati dalle aziende nel 2019

DEM, SEO E SEM sono la colonna portante di ogni strategia di digital marketing. Si tratta di una strategia “classica” molto diffusa in Italia, nonostante si stiano affermando nel mondo modalità di contatto e comunicazione più “innovative”.

In primo luogo, l’email marketing risulta lo strumento più diffuso ed efficace e rivela una maggior padronanza nel suo utilizzo da parte delle aziende (quasi il 100% del campione intervistato).

In secondo luogo, anche SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing) risultano strumenti di digital marketing sempre più diffusi (92%). In particolare, sono decisivi nella fase dell’acquisizione, quando si deve ottenere un contatto. Anche se la Search Engine viene impiegata anche nella profilazione degli utenti, nella fase di vendita/upselling e nella comunicazione con i clienti. Solo nella costruzione della loyalty gli strumenti SEO e SEM non trovano alcun tipo di utilizzo.

In terzo luogo, si fanno strada i Social Media utilizzati sia in modo massivo che mirato, soprattutto nelle strategie B2C.

Seguono poi a distanza strumenti come il Display Advertising, l’analisi comportamentale sui siti, la Marketing Automation e la clusterizzazione degli utenti.

Per quanto riguarda la misurazione dei risultati, SEO e SEM sono legati direttamente ai risultati di Traffico e Conversioni, mentre l’Email Marketing misura open rate e click through rate. Nel caso di website si prendono in considerazione la durata della visita e i bounce rate e per i social media follower o fan, engagement, interazioni e condivisioni.

Quali strumenti sono strategici nella costruzione della relazione con i propri utenti, dai prospect ai clienti finalizzati?

La Digital Contact Strategy diventa la base di ogni strategia di marketing. Si tratta di mettere il cliente sempre al centro, attraverso opportuni strumenti atti a conoscerlo e intercettarlo sul web.

Nello studio sopracitato ad ogni fase del Digital Customer Journey, ovvero l’itinerario che il cliente percorre quando instaura una relazione con un’impresa nel tempo, si associano differenti strumenti:

  • Acquisizione: Website Tracking e Social Media Marketing
  • Profilazione: Social Media Marketing e Loyalty Program
  • Vendita/Upsell: Email Marketing ed eCommerce
  • Post-Vendita: Email Marketing e Loyalty Program
  • Fidelizzazione: Loyalty Program ed Email Marketing
  • Riattivazione clienti: Email Marketing e Marketing Automation

La priorità per le imprese italiane sembra essere la costruzione di una relazione con i clienti, in particolare, prima della fase di vendita gli obiettivi richiesti sono soprattutto quelli di comunicare con la propria customer base (50 %) e acquisire nuovi clienti (47%).

Sempre nel report si evidenzia come le aziende B2C siano le più attente alla lead generation, mentre quelle B2B privilegino la costruzione di una relazione nel lungo periodo, grazie alla profilazione e alla conoscenza dei clienti, con annesse attività di recupero dei clienti non attivi.

E quale è il ruolo dell’Intelligence Marketing?

Il report evidenzia che in Italia è ancora un mercato poco conosciuto e sviluppato. Vi è una scarsa attenzione da parte delle imprese per le tecnologie da adottare in futuro, al punto che il 32% degli intervistati non ha ancora pensato a una strategia di analisi, mentre solo nel 18% dei casi si vuole dare “spazio a strumenti di analisi avanzata e di business intelligence”.

In conclusione, il report mostra che le aziende più mature a livello italiano sono quelle che “sviluppano il proprio business al di fuori dell’Europa”, abituate a muoversi in un contesto differente e maggiormente concorrenziale.

Gli strumenti del futuro saranno quelli che utilizzano al meglio i dati per profilare il cliente e indirizzare le azioni in modo mirato. Per questo occorre circondarsi di partner in grado di guidare l’azienda in questo percorso. Non ultimo senza sottostimare la questione della Privacy e della Security, che è diventata ormai un processo by design in qualunque iniziativa di marketing che implichi la gestione di dati personali.

Fonte: Seozoom, Human Highway